Wurstel in gravidanza: si possono mangiare? Rischi e controindicazioni

Quando si scopre di essere incinta molti sono i dubbi che assalgono le donne su cosa andrebbe fatto o non fatto a partire dell’alimentazione, tra gli alimenti che portano dubbi ci sono i wurstel. Nonostante le tante controindicazioni, questo particolare e sfizioso alimento, potrà essere consumato senza rischi o particolari problematiche. Come i salumi, le carni ed il pesce crudi, anche i wurstel possono contenere tossine e batteri, ma se ben cucinati e trattati ogni rischio potrà essere scongiurato.

E’ importante che l’alimento venga cotto alla perfezione poiché i batteri presenti al suo interno non prosperino. Si è soliti cucinare i wurstel alla griglia, bolliti o spesso addirittura crudi, ma in gravidanza è importante cucinarli al vapore e per un tempo tale che quest’ultimo possa penetrare bene al suo interno distruggendo i batteri. Una volta andranno consumati subito e non lasciarli freddare altrimenti il problema si ripresenterebbe.

Rischi e controindicazioni

Dopo la toxoplasmosi, uno dei rischi in gravidanza è quello delle infezioni batteriche e nel caso di wurstel di parla di isteria monocytogenes, un batterio che può trovarsi nelle carni a taglio freddo o nei formaggi. Questo batterio è responsabile di listeriosi, una problematica che porta con i se i sintomi di una comune influenza e di un malessere intestinale e che solitamente colpisce anziani e bambini con un sistema immunitario debole.  In gravidanza però diventa altamente pericolosa, poiché contrarla porterebbe ad un aborto spontaneo o ad un parto prematuro.

I wurstel inoltre, sono ricchissimi, come tutti gli insaccati, di nitriti e nitrati, che vengono utilizzati per conservare al meglio le carni lavorate come i salumi, nello specifico che il nitrato di sodio che aiuta a mantenere vivo il colore donando un aspetto migliore e più olorato al prodotto. L’alto contenuto di nitriti, è un beneficio per la prevenzione della listeria, poiché uccide il batterio responsabile ma comunque arrecano al corpo altre controindicazioni dunque meglio evitarli in gravidanza.

Dunque, consumare wurstel in gravidanza è possibile ma se si volesse evitare ma la voglia è forte, in commercio sono presenti tanti wurstel senza controindicazioni particolari come quelli di soia o di verdure comunque gustosi, poveri di grassi saturi e senza troppe note pericolose. Ma come già detto sopra, il wurstel non è un alimento da crocifiggere, consumarne qualcuno ovviamente seguendo scrupolosamente le indicazioni sulla cottura, è possibile e non è vietato, poiché non vi sono pericoli per il futuro nascituro.