Sterilizzatore Chicco: istruzioni, come si usa e quale modello scegliere?

Un accessorio molto utile dopo la nascita di un figlio è sicuramente lo sterilizzatore, in commercio ve ne sono molte marche e modelli ma uno tra i più validi rimane sempre quello di uno dei brand più famosi ossia Chicco. Lo sterilizzatore è utile per andare a sterilizzare e dunque privare di microbi e agenti esterni dannosi per il bambino, ogni oggetto che entra a contatto con la sua bocca come ciucci, biberon o utensili vari. I neonati non posseggono ancora difese immunitarie forti, soprattutto quelli che non vengono allattati a seno hanno ancor più bisogno di essere protetti. Chicco produce e vende quattro diversi tipi di sterilizzatori, due modelli sono elettrici esattamente uguali, differenti solamente in misura e capienza seguono lo sterilizzatore a freddo e lo sterilizzatore per il forno a microonde.

Istruzioni

Le istruzioni per un corretto uso dello sterilizzatore sono semplici, basterà munirsi dei prodotti disinfettanti necessari per la pulizia degli oggetti. Per quanto riguarda le istruzioni di utilizzo sarà necessario seguire fedelmente quelle riportate nel libretto contenuto all’interno dello sterilizzatore.

Come si usa

L’uso dello sterilizzatore varia a seconda del tipo che si sceglie di acquistare:

  • Sterilizzatore elettrico: abbiamo già detto che Chicco produce due modelli elettrici che sono però identici nelle loro funzioni, variano solo e dimensioni. Lo sterilizzatore elettrico o sterilizzatore a vapore va collegato alla corrente e l’unica cosa da fare sarà inserire al suo interno l’acqua per generare il vapore e gli oggetti da sterilizzare. Rimangono sterili per 24 ore se non si apre lo sterilizzatore.
  • Sterilizzatore per microonde: pratico e veloce, questo sterilizzatore può essere trasportato ovunque, ottimo in viaggio; anche qui basterà inserire l’acqua e gli oggetti da sterilizzare e metterlo nel forno a microonde e così biberon, ciucci, tettarelle saranno perfettamente sterili e pronti da utilizzare.
  • Sterilizzatore a freddo: il più antico tra gli sterilizzatori, non necessita di corrente ed il kit si compone di vaschetta, pinza e scovolino. Semplicissimo da utilizzare, basta riempire la vaschetta di acqua ed aggiungere il disinfettante, porre al suo interno le cose da sterilizzare ed attendere il tempo necessario affinché il processo avvenga. Ottimo anche per pulire a fondo la frutta.

Quale modello scegliere

La scelta del modello da acquistare è da fare in base alle necessità, gli spazi ed il tempo che si ha per attendere la sterilizzazione. Tutti i modelli sono utili ed adattabili a diverse situazioni. I costi degli sterilizzatori sono esigui e variano dai 25.00 ai 50.00 euro dunque la scelta da fare è personale ed in base al quantitativo di oggetti che ogni giorno si ha la necessità di sterilizzare.