Prurito vaginale in gravidanza: sintomi, cause e rimedi

Il prurito vaginale è un fastidio intimo che ha diverse cause. In stato di gravidanza, quando gli ormoni sono “impazziti”, si ha un aumento di queste situazioni di prurito o di bruciore. Anche perché la vagina e la vulva sono molto più sensibili e anche più delicate.

La vulva e la vagina hanno una protezione naturale che è data da alcuni batteri “amici”, da perdite bianche che lubrificano le piccole labbra e da una buona umidità. L’organismo femminile è perfetto, ma allo stesso tempo realmente molto delicato.

Durante la gravidanza gli ormoni sono prodotti in modo eccessivo, proprio per questo si hanno tante difficoltà e anche molti malesseri. Tra queste c’è una maggiore presenza di prurito intimo.

Sintomi e fastidi

I sintomi principali di un prurito vaginale sono facili da capire, anche perché spesso sono molto dolorosi.

Ci sarà un prurito continuo. Camminando si ha un forte aumento della secchezza vaginale, specialmente per le piccole labbra. Anche le grandi labbra sono interessate poiché diventano molto sensibili, quindi si ha una forte irritazione anche strusciando con la biancheria intima.

Se non andiamo a porre subito un rimedio, allora il prurito si trasforma diventando una vera infiammazione urinaria. Qui son dolori, nel vero senso della parola. Quando si va ad urinare si hanno dei dolori forti che sono simili a piccoli spilli che pungono. Nei casi gravi, oltre ad una forte secchezza interna, si ha un arrossamento che crea anche delle piccole spaccature e lesioni. Questo è un problema serio perché con il passaggio dell’urina aumenta il bruciore.

Alla fine si possono anche avere dei fastidi che poi si estendono verso il basso ventre. In stato di gravidanza sono problemi che poi diventano preoccupanti, anche perché non si possono prendere farmaci.

Cause dei dolori

Le cause del prurito vaginale sono date da una ipersensibilità dei vasi sanguigni e anche del centro nervoso vaginale.

Con una eccessiva produzione di estrogeni si vanno ad innescare delle problematiche e anomalie interne. Tutte le donne in gravidanza, in base anche alla crescita del feto, subiscono danni all’organismo, danni alla donna, ma che sono indispensabili per il bambino.

Diciamo che le cause dei dolori sono date esclusivamente da una serie di anomalie ormonali. Questo per quanto riguarda il prurito vaginale in gravidanza.

Tuttavia esiste anche quello “normale”, nel senso che viene a tutte le donne in diversi stati e fasi della propria vita. Le cause sono date da uno stile di vita errato, da un’alimentazione molto scorretta, scarsa igiene intima uso ed abuso di lavande vaginali.

Prurito vaginale, rimedi naturali

Per le donne in gravidanza è opportuno che, se hanno intenzioni di usare dei farmaci, per eliminare il prurito vaginale, devono assolutamente chiedere al medico.

Esistono molti rimedi naturali, ideali per tutte le donne che sono in dolce attesa, vale a dire:

  • Lavaggio con acqua e bicarbonato
  • Usare acqua con estratti di avena o malva
  • Impacchi di bustine di camomilla sono lenitivi
  • Amido di riso

Sono soluzioni naturali realmente molto efficaci.