Podologa: cosa fa, come diventarci e quanto guadagna

La podologa è una professionista altamente qualificata che si occupa della salute del piede, generalmente specializzata in chirurgia, questa figura tratta tutti i punti di collegamento della gamba, la caviglia ed il piede. Una figura di rilievo che si può trovare sia nelle strutture pubbliche sia in quelle private ma che può anche svolgere in completa autonomia il suo lavoro come libero professionista in uno studio proprio o nello stesso domicilio del paziente, ma solo se quest’ultimo non sia autosufficiente.

Cosa fa la podologa

La podologa si occupa di tutte le patologie, complesse e non, che riguardano la zona del piede, prevendendole e curandole. Tra le patologie più comuni abbiamo l’onicomicosi o l’unghia incarnita mentre tra le più importanti, ritroviamo il piede diabetico o l’alluce valgo ed ancora tantissime altre. La podologa si occupa anche della riabilitazione dopo interventi o fratture e grazie a lei si possono curare tutti gli effetti negativi che alcune attività sportive possono, con il tempo, portare al piede. Lo specialista in podologia, viene da uno studio generale a cui possono susseguirsi varie specializzazioni, tutte inerenti a patologie del piede; si parla di specializzazione in medicina chirurgica, diabetologia o anche medicina sportiva. Uno dei vari compiti di questa figura professionale è quella di analizzare l’anatomia del piede, anche se a monte non vi sono patologie evidenti, consigliando al paziente la scarpa più adatta per un sostegno ottimale della colonna vertebrale. Chi svolge questa professione è altamente qualificato ed in grado di lavorare su pazienti di tutte le età che possono soffrire di molteplici disturbi associati o meno a problemi ai piedi.

Come diventare podologa

Il corso di podologia è un corso di laurea triennale e rientra in quel ramo della medicina che si occupa delle professioni sanitarie di riabilitazione ed è uno dei vari corsi a numero chiuso. A questo corso si può accedere in un singolo ateneo poiché i test d’ingresso si svolgono in tutta Italia nella stessa data. Le materie generali trattate nell’esame di ammissione sono la matematica, la fisica, la biologia e le materie umanistiche. I requisiti indispensabili per intraprendere gli studi di podologia sono:

  • Avere una buona manualità.
  • Conoscere l’inglese ma anche altre lingue straniere.
  • Avere delle spiccate doti relazioni.

Per intraprendere ed accedere a questo corso di studi sarà necessario ed indispensabile presentare un certificato che dichiari l’adeguata idoneità psicofisica.

Quanto guadagna

La retribuzione annua della podologa varia a seconda della struttura in cui essa svolge il proprio lavoro e da quanto tempo opera in questo campo. Il compenso annuo in una struttura pubblica si aggira intorno ai 20.000 euro annui; lievemente più alto quello di chi opera privatamente, intorno ai 30.000 euro annui, ma comunque variabile poiché dipenderà dal quantitativo di pazienti trattati.