Impregnante per legno: cos’è, quando si utilizza e costi

Il legno, un materiale con cui l’essere umano ha un legame primordiale, quasi atavico, e ci piace averlo in casa perché ci si sente bene. Pensate a quali sono le preferenze degli arredi che ogni anno sono proposti. Legno in camera da letto, legno in cucina, in salotto, legno perfino in bagno. Lo si usa anche per l’esterno, per costruzioni di cortili, corte esterne, ringhiere e via dicendo. Innegabile che sia bello, caldo e accogliente. Tutti gli immobili che lo posseggono hanno anche un alto valore economico, ma si deve avere anche molta cura di questo materiale.

Infatti, il legno è un elemento che vuole essere curato, coccolato e protetto. Per aumentare la sua lunga vita, occorre eseguire delle manutenzioni. Il termine “manutenzioni” indicano quegli interventi di ripristino della forma originale. Per mantenere inalterata la sua vita e il suo aspetto, occorre usare l’impregnante. Una vernice studiata per aderire sulle fibre legnose. In questo modo si offre la possibilità di non essere attaccato dai parassiti e resistere ad acqua o umidità.

Un aiuto per il legno esterno

Il legno è un materiale “naturale”, vivo. Come tale, anche se essiccato, basta lasciarlo all’aria aperta per danneggiarlo. I principali problemi che vive sono:

  • Assorbenza di acqua e umidità
  • Deformazione della sua superficie
  • Attrae i parassiti, come tarli e anche scarafaggi
  • Si decompone

Questi sono problemi che, sul legno in esterno, nascono anche nell’arco di 7 o 8 mesi. Come proteggerlo? Occorre eseguire una manutenzione con l’impregnate per il legno. Siccome parliamo di esterno, quindi di un forte attacco climatico, occorre una buona verniciatura.

Prima di passare l’impregnante, che è una vernice creata per il legno, si devono eseguire altre “operazioni”. Si scartavetra la superficie per eliminare il rivestimento protettivo, che si sarà danneggiato. Si porta il legno a nudo. Si passa un panno umido per togliere le polveri. In seguito si lascia asciugare per qualche giorno. Alla fine, si stende con un pennello a setole morbide, l’impregnante per esterno. Questo tipo di impregnante per il legno deve essere ad alto valore di impermeabilizzazione.

Impregnate legno colorato

Sul mercato oggi sono disponibili diversi impregnanti per il legno. L’impregnante principale, molto richiesto dagli utenti, è quello trasparente. In questo modo si lascia vedere la bellezza della colorazione naturale. Adesso ci sono anche le tonalità di impregnate colorato. Usati nelle zone e sui serramenti degli immobili sotto vincoli paesaggistici oppure sotto vincoli ambientali.

In questi immobili, se avete bisogno di un intervento di manutenzione straordinaria, potete avere proprio degli impregnanti colorati. Per quanto riguarda i legni che sono molto rovinati, magari opachi, quindi il colore naturale non è “bello”, preferite il colore bianco. Esso regala un aspetto vintage che è alla moda e realmente molto affascinante.

In interno, oggi è disponibile l’impregnante glitterato

Per quanto riguarda il legno che è collocato all’interno, come parquet, pareti o controsoffitti e soppalchi, ci sono gli impregnanti glitterati. Una colorazione alla moda, ma che lascia intravedere il colore naturale, ma con una “spinta” moderna. Occorre che l’impregnate glitterato venga sparso con una buona pazienza e una mano sicura. In questo modo si ha una bella colorazione.