Due ricette per Natale

Ogni regione italiana ha dei piatti tipici da realizzare durante le festività natalizie, e sulle tavole non possono certo mancare i classici panettoni e pandori. Ma non mancano nemmeno le eccezioni: c’è sempre chi vuole aggiungere uno o più piatti diversi per la festa, magari per “spezzare la monotonia” ed internet ed alcuni ricettari offrono delle valide “alternative”, ed in questo articolo ne vengono riportate due.

Gamberi gratinati alla greca

Questo è di sicuro un ottimo piatto da servire per la vigilia di Natale. Per quattro persone, occorre sbucciare un chilo e mezzo di gamberi, tenendo le loro carcasse e rosolandole in un tegame con dell’olio con il trito di una cipolla ed uno spicchio d’aglio. Si aggiunge mezzo bicchiere di vino e si lascia cuocere per dieci minuti.

Si scola il tutto, e si rimette nel tegame, aggiungendo 350 grammi di pomodori maturi passati e due foglie di alloro. Si regola di sale e pepe, e si lascia cuocere dolcemente.

A parte, si lessa un etto di riso in un bicchiere di brodo, per poi allargarlo sul fondo di una pirofila, spargendovi sopra i gamberi sgusciati, umettando il tutto con la salsa al pomodoro. Si spolvera infine con un etto di pecorino fresco grattugiato ed un altro etto di pecorino stagionato tagliato a fette. Si irrora con dell’olio, e si passa in forno, a temperatura media, per una quarantina di minuti.

Panettoni e pandori al “bicchiere”

I pandori ed i panettoni sono di sicuro i dolci preferiti, da consumare durante le feste, ed è anche possibile usarli, a loro volta per dei dolci, persino quelli al bicchiere. Ad esempio, per sei persone, si può mettere in un pentolino un etto di zucchero con quindici millilitri d’acqua, si trasferisce sul fuoco, portando a 120°, e mescolando di tanto in tanto.

Si montano in una ciotola quattro tuorli con una frusta, aggiungendovi a filo lo sciroppo preparato, facendo attenzione a non versarlo direttamente sulla frusta. Si continua a montare, finché il composto non sarà freddo e gonfio. Poi si unisce 250 grammi di mascarpone, e si amalgama bene. Dopo di mettono a mollo quattro grammi di fogli di gelatina, per dieci minuti, per poi strizzarla e versarla in una ciotola con due cucchiai di panna fresca. Si fa sciogliere il tutto in pochi secondi al microonde, mescolando e aggiungendo un cucchiaio alla volta la crema di mascarpone, finché non si raffredderà.

Si prendono 250 grammi di panna fresca e si monta ben ferma, per poi unirla alla crema, poco alla volta, dal basso verso l’alto, lasciando consolidare il tutto in frigorifero.

In un piatto fondo, intanto, si versa mezzo etto di Marsala all’uovo, mescolando con cento millilitri di latte intero, e mescolare. Si riprende la crema e si trasferisce in una sac à poche, formando il primo strato sui bicchieri, cospargendoli con delle gocce di cioccolato. Si tagliano delle fette di pandoro o panettone (un etto), per inzupparle nel marsala allungato, usando un pennello da cucina. Si dispone sulla crema, e si prosegue con un altro strato. Infine si termina spolverizzando con del cacao amaro, lasciando i bicchieri in frigorifero fino al momento di servire.